Help

jakob-lorber.cc

Capitolo 1 La Forza Salutare della Luce Solare

GENERALITA' SULLA FORZA SALUTARE DEL SOLE

1. In questo contesto non si tratta affatto di prendere troppo in considerazione la misura ed il peso, bensì soltanto la giusta Fede e la giusta Fiducia in Me; giacché voi sapete che Io sono benissimo in grado di lasciare che qualcuno anneghi in poche gocce d'acqua ed allo stesso tempo di mantenere in vita un altro che è caduto nell'oceano.

2. I mezzi materiali in questo caso(1) di per sé non hanno comunque alcun effetto, all'infuori semplicemente di quello di attirare e di mantenere su di essi i raggi solari nelle condizioni indicate. Quando i mezzi materiali sono serviti ed hanno corrisposto a tale scopo, e se in caso di malattia vengono utilizzati con la dieta indicata, con vera Fede e in giusta misura, non mancheranno certo di avere il loro effetto.

3. Anzitutto ci vuole - specialmente da parte del terapeuta - una altruistica buona volontà ed una ferma fede in ciò, per poter con questa Mia Grazia, a lui rivelata, aiutare un sofferente nella forza del Mio Nome; dato che da parte del sofferente non ci si può aspettare sempre una piena fede. Ma se anche il sofferente è pieno di fede, allora, il mezzo terapeutico si dimostrerà più sicuro e di più rapido effetto". (2)

4. Nei tempi antichi, nei quali questa terra era già abitata dagli uomini, proprio questi uomini, quando sentivano un qualche malessere nel loro corpo, usavano il Sole, vale a dire la sua luce ed il suo calore, quale unico mezzo terapeutico per il ripristino della loro salute.

5. Essi mettevano i loro ammalati al Sole, denudando completamente quelle parti del corpo nelle quali l'ammalato sentiva una debolezza od un malessere od un dolore, ed in breve tempo l'ammalato stava meglio.

6. Se l'ammalato aveva un disturbo allo stomaco, prima esponeva al Sole per un certo tempo la regione dello stomaco, poi egli beveva dell'acqua da una pura fonte esposta al Sole, e ben presto stava meglio.

7. Generalmente, i primi abitanti della Terra, se era possibile, non bevevano facilmente dell'acqua se prima non fosse stata esposta, per un breve periodo di tempo, alla luce del Sole.

8. Pozzi profondi e coperti erano a loro estranei, e da una fonte dove la luce del Sole non poteva penetrare, nessuno beveva acqua; poiché sapevano ed anche vedevano bene che, in tale acqua, dimoravano degli spiriti grezzi, fra i quali addirittura quelli cattivi, fino a tanto che non venivano espulsi dalla celeste luce solare.

9. Vedete, su quanto fino ad ora citato c'è una profonda verità; giacché la luce del Sole porta con sé, come voi potete facilmente immaginare, degli spiriti più puri. Questi spiriti hanno la più grande affinità con le parti sostanziali dell'anima umana. Quando tramite l'influsso di tali più puri spiriti, all'anima viene procurato un sicuro forte rinvigorimento, allora l'anima, così irrobustita, vince molto facilmente e presto una qualsiasi debolezza che si è formata nel suo corpo, perché la salute del corpo dipende sempre unicamente da un'anima sufficientemente forte.

10. Poiché laddove in origine compare una qualche debolezza dell'anima, cioè nelle sue parti sostanziali, e l'anima stessa non riesce per una via regolare a procurarsi alcun rinvigorimento nella parte indebolita, allora si rivolge al suo stesso spirito nerveo ed attira a sé da questo ciò che le manca. Però allora come nelle bottiglie (3) elettriche scariche, nei nervi avviene una chiara carenza di quel fluido vitale, col quale soltanto essi vengono mantenuti nella giusta tensione.

Capitolo 1 Visualizzazione mobile Contatti